Skip to Content

Escherichia coli

by anresis

La resistenza ai chinoloni e alle cefalosporine di terza/quarta generazione è aumento da oltre 10 anni.

Escherichia coli è uno degli agenti patogeni più comuni, sia in ambito ambulatoriale che ospedaliero. Come flora normale, colonizza l’intestino umano e porta a infezioni delle vie urinarie, ad infiammazioni della pelvi renale e a setticemie.

La resistenza ai chinoloni è in costante aumento da anni, dal 10,6% nel 2004 al 20,5% nel 2015. Negli ultimi quattro anni invece il tasso di E. coli resistenti ai chinoloni sono rimasti costanti. Il consumo di chinoloni è un importante fattore scatenante dell’aumento della resistenza degli E. coli ai chinoloni. I chinoloni dovrebbero quindi essere utilizzati solo in casi eccezionali, nel trattamento di infezioni semplici delle basse vie urinarie.

Anche la resistenza alle cefalosporine di terza/quarta generazione è in continuo aumento, dallo 0,9% nel 2004 all’11,4% nel 2019. L’aumento avviene grosso modo parallelamente nei settori ambulatoriali e ospedalieri. E. coli di terza e quarta generazione resistenti alle cefalosporine si trovano in molti ambienti diversi come nelle persone che tornano da un viaggio, negli animali o nelle acque.

  • Posted in
  • Commenti disabilitati su Escherichia coli
Back to top